mercoledì 11 gennaio 2012

6 etapa 114 Km. Gen. La Madrid – C.nel Pringles

 scuola materna General La Madrid

Vengo svegliato di soprassalto da qualcuno che vuole buttare giù la porta a spallate.
Attraverso la finestrella della porta che da sul giardino vedo volare un ombrellone, una sedia di plastica e altri oggetti indefiniti e il pensiero va subito alla bici parcheggiata lì fuori. E' il vento.
Apro la porta, afferro la bici e la porto in camera in 5 secondi esatti.
La luce salta ma ho sottomano la pila.
Il vento suona la canzone dei matti con le campane di una chiesa vicina, un gallo canta nonostante l'apocalisse e io mi riaddormento.
La mattina Helena, l'addetta alle colazioni, pressata dalle mie incalzanti domande precisa:
“C'è stata la tormenta, ogni tanto succede, è normale.”
Piove. Percorrendo le strade cittadine cerco i danni della tormenta.
Qualche rametto d'albero qua e là e nient'altro.
Si succede, succede spesso e tutto quello che il vento si poteva portare via lo ha già portato via da un bel pezzo.
Accendo lo psico-garmin che oggi propone un altro interessante sterratino e noto vicino a me un uomo in veranda a prendere il fresco.
Non faccio in tempo a rallentare per chiedere indicazioni per Bahia Blanca che urla “ti ho visto in tv, sei quello che sta girando l'Argentina in bici”. Parlottiamo un po' e mi da delle indicazioni precisissime. Subito dopo aver sciolto le mani dalla stretta del saluto corre in casa a chiamare la moglie per raccontargli quello che farà fatica a credere.

La giornata è ideale. 21 gradi e una leggera piacevole pioggerellina.

Poco dopo una fermata veloce a bordo strada per una scatoletta e 4 grissini, passo davanti a un possibile punto di ristoro, rallento e valuto.
Non c'è un insegna, ci sono 2 camion parcheggiati in cortile e 4 cani che riposano davanti alla porta.
No. Non è un punto di ristoro quindi proseguo ma freno poco più avanti perchè c'è una minuscola insegna della birra argentina nascosta tra gli arbusti.
Seduti ai tavoli ci sono 3 clienti, al tavolo vicino alla tv due ragazzini figli o nipoti della cuoca-proprietaria che sta annotando su di un registro la merce che gli ha portato un vero gaucho in tenuta perfetta con basco, camicia, gillet e stivaloni.
Sul bancone c'è una pesa di almeno 50 anni fa, una pila di contenitori pieni di uova e dei fogli di giornale. Chiedo se è possibile mangiare ma la signora non capisce, ripeto, mimo e mi arrendo. “Se puede, se puede” finalmente viene urlato da un cliente tra una cucchiaiata di zuppa e l'altra.
Così mi accomodo e pranzo.

La giornata scorre liscia e fresca, i colori ora sono più saturi e meno bruciati.
Tutti i camionisti che incrocio mi salutano, sono tanti e fa piacere ma... che fatica!

Coronel Pringles è una bella città, le strade sono tutte lastricate a pietra, i negozi chic e la gente vestita con cura.

Messaggio personale per Alba prima che posti un messaggio:
Coronel Pringles non è quello delle patatine né quello degli orologi.

Ciao a presto.

 gommista

9 commenti:

  1. Ciao Mario, intraprendere un viaggio così lungo per sfuggire al tuo compleanno è assolutamente inutile. I nostri AUGURI arrivano anche dall'altra parte del mondo. TANTI AUGURI!!!!!! Francesca e Cosmo Pietro

    RispondiElimina
  2. Auguri Mario:non usare la graffettatrice!!!

    Luca

    RispondiElimina
  3. Grazie Luca! ...perchè? ...è difettosa?

    RispondiElimina
  4. E allora....tanti auguri!
    alessandra

    RispondiElimina
  5. Ciao Mario son Alba ma dai nn arriverò in Patagonia ma a capire che Pringles è il nome della località... si fosse chiamata Crema potevo confondermi...:-) Noi gli AUGURI te li abbiamo fatti sta mattina alle 6,30 dall'ufficio... ma una curiosità alle 13:48 (ora Italy), equivalente alle 9,48 circa ora locale, ti 6 fermato a far merenda con le "Pringles"... Buon proseguimento ciao M.A.

    RispondiElimina
  6. Ciao Mario! Qui all'Erbolario a Lodi stiamo seguendo il tuo viaggio...la Natura è davvero selvaggia!

    Anche sul nostro sito si parla di te:
    "http://www.erbolario.com/bacheca/articoli/tutti/63_in_viaggio_con_mario_bellocchio/

    con affetto
    Lo Staff dell'Erbolario Lodi

    RispondiElimina
  7. ...auguri ! daniela

    RispondiElimina
  8. Ciao Mario,ti leggo sempre e devo dire che l'ansia dei primi giorni si e'tramutata in interesse,voglia di sapere....Mi piace molto seguirti,sto quasi vivendo con te questo bellissimo viaggio.Bacione Li

    RispondiElimina
  9. mi piace quell'avventore col cucchiaio in mano che fa "se puede, se puede", è un caso interessante di uno che stava mandando un doppio messaggio, uno in lingua spagnola, l'altro nel "body language"

    RispondiElimina